Contatore visite

dom Cyprien Casimir - canonici regolari

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

lettere Gréa



Lettere a dom Casimir Cyprien

.... 31 maggio 1901
Caro figlio,
date le necessità della Congregazione sono costretto a chiamarvi al sacerdozio prima del previsto e quindi ad abbreviare il tempo del vostro diaconato.
Stando a quanto dettomi dallo stesso vescovo di Valenza, sarà lui ad ordinarvi extra tempora nella festa di S. Pietro.
Rivolgo a voi la chiamata: in virtute sanctae obedientiae, te eligo et voco ad ordinem presbyterii.
Pregate, caro figlio, per me e per il nostro istituto.
Di cuore vi imparto la mia benedizione.

Andora Stazione 14 maggio 1905
Caro figlio,
Dio vi chiede un sacrificio doloroso per come siamo fatti, e contrario ai nostri santi e dolci affetti, ma reso dolce e prezioso nella fede, nella speranza e nella certezza fondate sulla morte e resurrezione del nostro Gesù.
Caro figlio, quando riceverete queste mie righe, frutto del mio affetto, forse il vostro caro fratello, così bene e santamente preparato per l’eternità, avrà terminato il suo corso terreno. Guardiamo a questa eternità unico scopo e fine della vita, eternità d’amore e di pace, preparataci dall’amore infinito di Colui che per noi è morto. È necessario passare per l’oscurità della morte prima di pervenire a tanta luce; ma non abbiamo nulla da temere, quoniam tu mecum es.
Il nostro Signore e Salvatore è passato per questa notte perché non se ne abbia più timore; è Lui stesso che viene a prenderci su questa terra al momento della nostra agonia e ce la fa attraversare appoggiati sul suo cuore e sostenuti dalla sua presenza.
Caro figlio e cari figli di Roma, non abbiate paura della morte, accettatela quando vi farà visita, visita di Dio, visita di misericordia e d’amore per i religiosi e per ogni anima amante e fedele.
Con voi prego; con voi verso queste lacrime di rendimento di grazie e di fiducia, rendimento di grazie per la santa serenità, frutto per la santa morte dei nostri confratelli.
Addio, mio caro e buon figlio; non appena vi sarà possibile venite qui a cercare riposo per il vostro cuore nella pace e tra l’affetto dei vostri confratelli. I miei sinceri saluti a dom Eugène, il cui stato di salute continuamente mi tiene in apprensione. Lo affido alla sollecitudine paterna di Dio; è a Lui che chiedo di lasciarlo tra noi; ma sia fatta la sua volontà santa, adorabile e amorevole nei suoi misteriosi disegni! Continuamente ci ripete: quod facio tibi tu ne scis modo, scies autem postea. Solo in seguito sapremo che tutto quello che Dio ha permesso e voluto è stato per il nostro supremo bene; haec est volutas Dei sanctificatio vestra.
Addio, caro figlio che con grande affetto saluto; saluto inoltre dom Moquet al quale chiedo di misurare le sue forze in questi giorni della prova; un saluto anche a tutti i miei figli e confratelli che vi sono vicino.


Andora Stazione 7 luglio 1905
Carissimo figlio,
le vostre lettere mi sono di grande sollievo; ora sono convinto che in questa grande opera apostolica digitus Dei est hic.
Apprezzo molto gli studi classici ecclesiastici fatti con semplicità; senza il greco, ma in un latino fluido, corretto e parlato con continui esercizi brevi, diversificati e frequenti. L’ufficio divino, secondo la scadenza delle ore liturgiche, è l’alimento che lo Spirito Santo offre a tutto il genere umano. A voi spetta far risuonare la santa salmodia in questi luoghi fin ad ora condannati al silenzio dello Sposo e della Sposa.
Apprezzo molto l’unanime giudizio sullo stretto di Magellano: questo allontana da ogni preoccupazione e poi quale importanza dare ad un po’ di ritardo quando si tratta dell’inizio di un’attività così significativa?
Quando arriverete a Barcellona non mancate di far visita al chiostro della cattedrale e al museo che si trova nell’antica cappella dei Conti di Barcellona, qui c’è la tomba di un prete con abiti sacerdotali, una vera opera d’arte nel suo genere.
I bravi fratelli Maristi vi metteranno al corrente sulle specifiche ricchezze della gioventù spagnola.
Addio, carissimo figlio, e grazie per le preghiere per la mia povera vecchia persona. La gotta anche se lentamente sta lasciando la presa.
Con affetto vi saluto.

Ai miei cari figli nel giorno del loro imbarco per l’America 25 settembre 1905
Dilectis in Christo navigantibus in Americam fillis et fratribus.
Cari e bravi figli, grande è la gioia che provo sapendo che voi state per salpare dai lidi della Francia, dove sempre più frequenti si fanno le minacce della persecuzione e state per andare in quelle terre, per volontà divina, con il sostegno della benedizione apostolica, non solo sorretti dalla vostra sacerdotale giovinezza ma anche per ivi portare le sante osservanze della vita canonicale.
Dio benedica la vostra santa missione! Fate del tutto per rispondere ai richiami del suo cuore, rimanendo fermi e irremovibili verso il nostro istituto, le sue regole, le sue venerabili usanze e tradizioni.
Nutrite per la vostra congregazione una tenera e filiale dedizione. Dio vuole che per mezzo vostro sia conosciuta, amata, consolidata e feconda in vocazioni in queste regioni dove la vita religiosa rifiorirà con la vita del clero apostolico, fonte di salvezza.
Cari figli, i vostri confratelli, che con voi condividono una comune vocazione, rimangono a voi uniti con i legami così dolci e forti di amorevole carità.
Ogni giorno del vostro lungo viaggio per voi pregano la Santissima Vergine, San Giuseppe e San Raffaele e con grande gioia si preparano ad accogliere le vostre prime notizie sul vostro felice arrivo e sulle prime vostre attività.
Addio, miei figli, che benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo per l’intercessione della Beata Vergine Maria Immacolata.

3 maggio 1906
Ai cari canonici regolari dell’I.C. a Chachapoyas
Carissimi figli,
la grazia di Dio, che vi ha chiamato all’ammirabile missione di portare sotto il giogo così dolce della vita canonicale, il peso delle anime e il futuro della chiesa, vi dia la forza e vi sostenga nel vostro lavoro! i vostri confratelli, che vivono lontano, provano invidia verso di voi e mi auguro che qualcuno proverà a raggiungervi per condividere con voi la corona che Dio vi sta preparando.
La più significativa tra le attività, che Dio si attende da questo vostro servizio, consisterà soprattutto nell’assicurarne il futuro con il discernere e preparare sante vocazioni. Dio semina in queste anime innocenti di ragazzi il seme che i servitori di Dio devono far fruttificare con la loro singolarissima attività. Questo impegno richiede delicatezza soprannaturale, vigilanza assidua e quelle grazie che solo la preghiera e il sacrificio possono far discendere su questi ragazzi e sui loro padri maestri. La Vergine Immacolata, alla quale li consacrerete, vi protegga sotto il suo manto verginale e vi ricopra della sua materna protezione!
Cari figli, che ogni giorno raccomando a Lei sul santo altare vi chiedo, implorando su di voi ogni benedizione, di pregare per questo vostro povero padre ormai prossimo a raggiungere l’eternità.

8 luglio 1906
(Ai cari dom Cyprien, dom Dominique, dom Césaire e dom Amedée)
figli e amati confratelli,
Dio faccia discendere sul vostro generoso ministero per la realizzazione del suo Regno, sotto l’emblema della vita canonicale, in queste regioni in cui la divina volontà vi ha chiamati, la sua benedizione.
In questi faticosi inizi, sotto lo sguardo di Dio, avete sofferto e lavorato, avete seminato e questo seminare per Dio richiede non solo sudore, ma anche lacrime. Sotto la saggia direzione di dom Marie Augustin e i suoi santi consigli, voglio che prendiate tutte le precauzioni, ogni genere di dispense che la vostra attuale situazione con le sue difficoltà richiede. Dio renderà feconda la vostra cara e piccola comunità; perché la sua santa volontà si realizzi ci vuole tempo e da parte vostra, perché possiate rispondere ai suoi disegni, è richiesta pazienza e serena costanza. Per quest’opera a voi affidata da Dio e dalla chiesa, l’attesa di alcuni anni, o anche di un secolo, sarebbe ben poca cosa!
Continuate a seminare, cari figli, ad irrigare il campo; Dio provvederà a farlo crescere, a portarlo a maturazione fino al raccolto. Altri, forse, dopo di voi e da voi preparati, raccoglieranno, su questa terra, i frutti del vostro lavoro; mentre voi, in cielo, godrete dell’eterna retribuzione.
Cari figli, lodate, benedite e amate Gesù!  Maria Immacolata possa, in queste terre lontane, avere un nuovo domicilio per mezzo vostro, e vi sostenga in ciò che fate per onorarla e per prepararle un nuovo e magnifico impero!
Addio, cari figli e confratelli, che benedico in Gesù nostra vita e nostro unico amore.


Andora Stazione 17 novembre 1906
Figli miei carissimi e carissimo dom Cyprien,
le notizie che provengono dal vostro lontano apostolato mi rallegrano il cuore e recano gioia e consolazione ai vostri confratelli.
Si rendono conto che state portando avanti veramente una missione voluta da Dio e gli ostacoli che incontrate in continuazione ne sono una prova, anche per gli apostoli è stato scritto che laborabant in navigando, quia erat ventus contrarius. Andare contro corrente vuol dire compiere quanto Dio chiede; sarebbe infatti molto facile lasciarsi trasportare dal vento! Miei cari figli, a voi viene chiesto di gettare il seme impastato di lacrime; questo è l’unico modo per preparare la raccolta e anche se dovesse farsi attendere: ecce agricola expectat pretiosum fructum terrae, patienter ferens… patientes igitur estote et vos, et confirmate corda vestra.
Noi ogni giorno ci auguriamo di ricevere notizie da parte di dom Marie Augustin. Sta ancora sulla nave che presto lo farà approdare sulle nostre spiagge. Ci metterà al corrente di tutto quello che vi riguarda. Sono felicissimo di sapere che con ragazzi di 12 anni state tentando di fondare un seminario. Qualcuno non vi seguirà; ma voi continuate a persistere senza lasciarvi abbattere né dai giudizi favorevoli né dalle defezioni, che nell’attività vocazionale sono inevitabili, soprattutto quando si è agli inizi.
Cari figli, anch’io sono andato incontro ad opposizioni e difficoltà; lo si riscontra nella tradizione della chiesa e nei documenti del santo concilio di Trento che ne riprende la tradizione.
Sono in apprensione per il raffreddore che ha colpito il nostro caro dom Amedée; fate in modo di tranquillizzarmi quanto prima. Ringrazio Dio per il miglioramento dello stato di salute di dom Cyprien.
Cari ragazzi, non abbiate paura di ricorre ad ogni forma di dispensa che il vostro stato presente e il vostro lavoro richiede; tuttavia amate la regola e la sua perfetta osservanza, e nutrite sempre il desiderio di poterla osservare in tutte le sue parti, come fecero i santi e apostolici fondatori di chiese.
Aggiungo inoltre che mons. de Segur, il quale nutre grande stima e apprezzamento per il nostro istituto, è venuto a farci visita. Ha insistito sull’astinenza e sull’ufficio di notte; così facendo anche voi avrete presa ed efficienza sulle anime e fiducia tra il popolo. Ci ha affidato uno dei suoi migliori preti, dom … che ha iniziato il suo noviziato con il nome di Aimé; altri sei o sette aspirano di seguirne l’esempio; due di questi, che arriveranno in autunno, sono vicari di dom François Joseph Raux parroco di Beuvry vicino a Béthune.
In Francia tutti si preparano ad affrontare una grave crisi. Dom François Carre si trova a Lus la Croix haute con dom Henri Chalumeau, che parroco al posto di dom Bauduret che va a Saint Claude come professore. Don Hugues invece è qui con noi ed è maestro degli studenti. Ho celebrato, come ben sapete, il giubileo sacerdotale. Grazie, miei cari, per le vostre preghiere, che mi sono di aiuto per l’espiazione dei miei peccati, per rendere grazie a Dio per i doni concessemi e a prepararmi per l’eternità. Chiedete la grazia che io possa nella fedeltà portare a termine l’opera che Dio mi ha affidato; vae mihi, si non…
Cari e veri figli, quanto desidererei poter condividere quanto voi state facendo! La vecchiaia impone dei limiti, ma la santa volontà di Dio che dispone del corso della vostra vita vale più di molti progetti che insieme potremmo escogitare. È questa santissima volontà che ci porta a vivere nella fede (justus fides vivit), quando noi agiamo per religiosa obbedienza cioè accettiamo di vivere secondo quanto previsto dalla regola, dalle disposizioni dei superiori e imposto dalle difficoltà della vita (malattie, ostacoli, successi e insuccessi, ecc…).
Le fede è argomentum non apparentium, la certezza, per mezzo di segni che cadono sotto i nostri sensi, delle cose che non sono frutto di esperienza; è invece operandarum substantia rerum, la realtà dei beni che speriamo cioè della sua volontà e del suo amore che un giorno vedremo, senza merito nella gioia, con merito nella fede durante la vita presente.
Addio, carissimi figli, che i qui presenti salutano con affetto e fraternamente, che con le loro preghiere vi sostengono, e i cui cuori sono vicini ai vostri nella divina comunione eucaristica. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. La nostra Madre, Maria Immacolata, vi benedica e vi protegga in Gesù.

Non sono riuscito a trovare il libro che desideravo.

(senza data) a dom Cyprien
A voi i miei saluti e paterne benedizioni. La santa comunione quotidiana sia il nostro vincolo di unione. Pregate per me in questo anno del mio giubileo sacerdotale: che ha come legittimo e necessario scopo quello di rendere grazie, di espiazione e di preparazione alla morte. Il mio andare presso Dio vi sarà più utile di quanto lo sia il mio rimanere su questa terra.

(nel retro della stessa) a dom Amedée
Grande è l’affetto che ci unisce. A voi i miei più sentiti saluti. Ho una grande voglia di avere notizie su come state passando questi primi momenti nel campo affidato alla vostra attività apostolica e canonicale.
I vostri esimi genitori, che vi hanno con abnegazione lasciato partire per questa attività divina, sono veramente da ammirare. Possa Iddio ricolmarli di ogni benedizione e benedire altresì il lavoro del loro caro figlio.
Sinceri saluti.

Andora Stazione 13 dicembre 1906
Carissimo figlio e figli,
poco dopo l’arrivo di dom Marie Augustin ci è stata recapitata anche la lettera di dom Cyprien. Un doppio motivo di gioia per il mio vecchio cuore e per i vostri confratelli d’Europa. Dom Marie Augustin ha fatto un ottimo viaggio e una volta assecondato il nostro desiderio di avere vostre notizie è partito per Roma. Da qui non ripartirà prima di Natale e senz’altro non prima di aver visto Sua Santità, mons. Gasparri, che desidera lavorare insieme a lui e il nuovo delegato per il Perù, il vescovo di Gubbio. Provo una grande gioia per quanto riferitoci da dom Marie Augustin, come anche della vostro corrispondenza così ricca di contenuti e così piena dell’amore di Dio, della chiesa e del nostro istituto. Sono impaziente di avere nuove sui ragazzi del Seminario! Questo sta a significare un autentico e santo inizio di resurrezione per il clero e attraverso questo del popolo. Carissimi figli, prendetevi cura, prendetevi cura, prendetevi cura della vostra salute e delle vostre forze. Ricorrete a tutte quelle dispense che la discrezione e il momento richiede; questo è cosa buona e voluta da Dio, ma nello stesso tempo apprezzate quelle sante pratiche che non potete sempre osservare e al cui pieno adempimento aspirate non appena ve ne sarà data la possibilità. Guardo al futuro pieno di speranza, futuro lontano data la nostra fretta, ma futuro sicuro e frutto delle vostre sofferenze e preghiere. Anche a Chachapoyas un giorno la santa chiesa avrà uno splendido centro di vita canonicale, e per volere di Dio anche dei santi. Per oggi, cari figli, ostium apertum est magnum, certo ci sono anche adversarii ma questo è segno che l’opera intrapresa è da Dio voluta. Anch’io la penso come voi sul nostro modo di porsi del nostro istituto verso i vescovi e fate bene a salvaguardare, in modo umile ma fermo, ogni forma di legittima libertà, e quel retto modo di rapportarsi che non sempre viene rispettato. Il soggiorno di dom Marie Augustin sarà di vantaggio anche per Chachapoyas.
Carissimi figli, come noi anche voi certamente nutrite un grande desiderio di avere nostre nuove: non ho significative nuove da comunicarvi.
Con noi ci sono 12 bravi ragazzi: 4 francesi, 8 italiani, 4 novizi tra i quali c’è un prete di Arras, uomo di grande talento e 4 studenti.  I nostri giovani professi studiano a Roma, perché ad Andora non disponiamo di professori. Dom Hugues è qui; dom François si trova a Lus; fr. Alphonse che ha bisogno di riposo assoluto vive insieme ad un prete del suo paese a Cairanne. Il vescovo di Arras, che ci ha fatto visita, ha mandato a sostegno di dom Raux due postulanti e pensa di inviarne ancora altri. Siamo molto preoccupati di come stanno andando le cose in Francia dove da ieri la persecuzione si è manifestata in tutta quella violenza prettamente francese. I nostri due confratelli a Parigi (dom Dijon e dom Thomas) son pronti con altri compagni ad affrontare la prova che Dio permette per la salvezza. Cari figli, anche voi avete estremo bisogno di rinforzi. Mi auguro che da Roma ci arrivino anime pronte per questo santo apostolato. Anche in Canada operaii pauci. Qualora fossimo costretti a lasciare la Francia dovremmo rivolgerci a voi o al Canada, con la speranza di ritornare in Francia una volta passata la tempesta e dopo aver provveduto all’ampliamento delle nostre case d’oltre oceano, come fecero al tempo della Rivoluzione del ’93 le famiglie Cheverus e Dubarry, ecc. che durante quel terremoto fondarono la chiesa negli Stati Uniti e dopo averla ben consolidata e resa fervente, tornarono in Francia per ripristinare quella Francese.
Il rev.ssimo padre Raphael d’Aurillac, priore dei Frati Minori, autentico religioso che ci ama e ci capisce e nostro visitatore apostolico, è venuto diverse volte a farci visita. È venuto anche il rev. padre Colomban, dello stesso ordine, che è stato visitatore apostolico per le nostre case in Canada, il quale si è messo a nostra piena disposizione. In Canada, nella speranza di aumentare il nostro numero, dobbiamo per il momento concentrarci sulle case che già ci sono e renderle più adeguate, e forse, qualora ve ne fosse bisogno, chiuderne qualcuna per rinforzare le altre. All’Alberta, i nostri ammirevoli confratelli dom Augustin Berneir e dom Jean Garnier, che svolgono l’apostolato su un ampio territorio, potrebbero cedere, qualora non si venisse loro in aiuto. È giunto il momento che il Canada provveda alle sue necessità quanto prima, anche chiudendo l’una o l’altra delle case con un solo religioso e per di più privo del conforto della famiglia (religiosa).
Addio, carissimi, ai quali impartisco la mia benedizione e il caro saluto di tutta la comunità.

Il nostro bravo P. Jérome, che vi stima per il vostro fraterno affetto, mi prega di chiedervi che nella vostra corrispondenza traduciate sempre in francese ……….peruviane; insignificante particolare! Sperando che questo non vi sia di grande incomodo.
Ancora una parola, cari figli, le nostre costituzioni sono sempre in via longa ut solet. Stando a quanto mi hanno riferito non ci sono, tuttavia, grandi difficoltà.


CIRCOLARE 2 marzo 1907
Carissimi figli,
Dio, nella sua grande bontà, ha rivolto il suo sguardo benigno sulla nostra umile restaurazione dell’antica vita canonicale, vita di preghiera e di penitenza al servizio della chiesa. Ci è stato sempre vicino e ha fatto crescere la nostra famiglia anche attraverso le prove che non sono mancate.
Oggi le nostre modeste fondazioni hanno oltrepassato l’oceano e si estendono dal profondo Canada fino alle montagne del Perù.
Dio ci viene incontro con nuova grazia, la Santa Sede Apostolica, alla quale spetta unicamente di concedere alle opere nella chiesa cattolica l’esistenza, la stabilità, l’ordine e la direzione, si è degnata mostrarci la sua solerte e amabile sollecitudine.
Cari figli, due cose certamente non possono sfuggirvi: la direzione generale della nostra congregazione, oggi molto estesa, si fa sempre più laboriosa, e inoltre, la mia età, qualunque sia lo stato di salute che Dio vorrà concedermi, mi inviata a chiedere un aiuto.
La Santa Sede, nella sua paterna sollecitudine, cosa che profondamente mi commuove e di cui sono riconoscente, viene in mio e vostro aiuto.
Questa, con il mio umile consenso, si è degnata di concedermi il necessario aiuto con il nominare per il nostro istituto un Vicario Generale nella persona del rev. p. Marie Augustin Delaroche, che gode di tutta la mia e vostra fiducia.
A voi tutti è nota la sua saggezza, il suo spirito, la sua comprovata pratica di vita religiosa, il suo interesse per la disciplina secondo la tradizione. Sono ben al corrente del suo filiale affetto verso di me. Tutti i confratelli non possono non riconoscergli i nuovi meriti a lui attribuibili per l’eroica ed apostolica spedizione, fatta con competenza, nella più remote regioni del Perù, sostenuto dalla benedizione del nostro esimio e santo Papa Pio X, che lo onora della sua paterna e particolare amorevolezza.
Dovendo risiedere ordinariamente a Roma, anche il nostro istituto che potrà usufruire di una diretta protezione, direzione e benedizione apostoliche.
Tutti insieme rendiamo grazie a Dio, cari figli, per questo ulteriore segno della sua protezione. Ogni giorno ci rendiamo sempre più coscienti di come la volontà divina ci sostenga e ci guidi.
Facciamo in modo, con il nostro filiale abbandono verso questa volontà divina e la nostra perfetta, sollecita, fedele obbedienza verso coloro di cui Dio si serve, di meritare che tutto proceda sempre in questa direzione.
Ben a conoscenza, carissimi figli, del vostro profondo vivere religioso, con gioia, termino questo mio comunicato, facendo offerta a Dio e alla Beata Vergine Maria, nostra Madre, di questo amorevole atto di obbedienza di tutti i miei figli, che è fonte di pace e di serenità, come anche della nostra riconoscenza per questo nuovo dono.
Addio, cari figli, e su di voi la mia benedizione che scaturisce da un cuore che è vissuto unicamente per voi e che è a voi legato da tenero affetto.

p.s.: la vostra corrispondenza per il rev. p. Vicario Generale dovrà essere inoltrata all’indirizzo, via XXX aprile, Roma, dove normalmente risiederà.

Roma (XXX aprile) 11 febbraio 1907
Carissimo Cyprien e figli,
che, come un solo cuore, vi rivolgete a me, scusate il mio ritardo! Sotto la croce di Gesù, con cui condividete il calice, l’umiliazione, l’apparente impotenza e l’opposizione di quanti dovrebbero assecondarvi nel mondato che Dio vi ha affidato, le vostre lettere suscitano in me grande gioia. Gesù vi conceda la costanza nel sacrificio a cui i chiodi dell’obbedienza vi tengono fissi e per cui il Cuore di Gesù vi invia le sue vampe, in attesa che il seminare nelle lacrime prepari la gioia del raccolto.
Ben conoscete quanto il nostro caro dom Marie Augustin ha dovuto impegnarsi per voi e senza dubbio il nuovo delegato, perfettamente al corrente della vostra situazione, vedrà di porvi rimedio.
Vi metto al corrente, carissimi figli, di una notizia che vi colmerà di gioia. La Santa Sede ha nominato dom Marie Augustin, vicario generale del nostro istituto. Vi invio la circolare con cui ho comunicato alle singole case questa felice notizia. Dom Marie Augustin era completamente all’oscuro di questa decisione. La santa volontà di Dio, per il bene e lo sviluppo del nostro istituto, si è palesata a seguito di molteplici segni provenienti da questa stessa potente e paterna volontà.
Non vedo l’ora ricevere da voi notizie dell’arrivo di ragazzi! Avviateli con sicurezza alla vita ecclesiastica e canonicale, che sono la stessa cosa, per la santificazione del prete e del popolo per mezzo del clero.
Non ho da comunicarvi significative nuove sulle nostre case in Europa. Ad Andora è entrato un novizio, bravissimo sacerdote d’Arras, destinato a raggiungere dom François Joseph Raux, mi sono recato ad Arras nel mese di gennaio; dove ho incontrato questo bravo padre e i postulanti che sta preparando, tra i quali militano i suoi vicari. Sono una grande speranza per la nostra povera Francia. Farò ritorno ad Andora in settimana, dove un seminarista, espulso da Lyon e dotato delle migliori intenzioni, prenderà il santo abito. Abbiamo 11 piccoli fratelli, di questi solo tre sono francesi; il loro modo di comportarsi ci edifica. A Parigi (Saint Ouen) dom Hippolyte e dom Thomas svolgono il loro ministero apostolico tra i peggiori selvaggi e sono in attesa di nuovi eventi. Hanno da una quindicina di giorni un nuovo parroco, che probabilmente affiderà loro una chiesetta di soccorso denominata Cajenne (nome significativo). Si affidano alla volontà di Dio.
Carissimi figli, pregate per la questione delle nostre costituzioni, che, come avviene normalmente a Roma, procede lentamente, sia fatta la volontà di Dio. Pregate anche per me che tre giorni fa ho compiuto 80 anni. Aiutatemi ad espiare i miei peccati, a ringraziare per i tanti benefici ricevuti, a prepararmi per l’eternità. Ben sapete quale grande affetto nutro per voi in Gesù e Maria. Carissimi figli, non un solo giorno lascio passare senza che singolarmente mi ricordi di voi nella preghiera.

In Canada vengono chiuse quelle case che per ora non è possibile trasformare in priorati, cioè con tre religiosi, dei quali due sacerdoti e uno almeno diacono. In questo modo si potrà migliorare lo stato di altre fondazioni, e in modo particolare quello di Végreville nell’Alberta.
Anche se in certo qual modo vivete lontano dal mondo civilizzato e dagli avvenimenti che ivi accadono, non penso che non vi sia giunta voce della persecuzione che sta aprendo alla chiesa francese un’era di confessori e forse anche di martiri. Pregate perché ognuno con la sua perseveranza e la fedeltà inflessibile sia di consolazione al Cuore adorabile di Gesù. Si sta avvicinando il momento in cui la vita canonicale verrà a costituirsi come unica salvezza e necessità per le chiese. Al congresso dei giureconsulti cattolici a Périgueux ho presentato un breve rapporto sul suo futuro. Proverò ad inviarvelo.

n.b.: segue un breve riassunto della lettera in spagnolo.

Andora Stazione 3 aprile 1907
Carissimo figlio Cyprien, cari figli Césaire, Amedée e Dominique,
auguri per le feste di Pasqua, anche se, data la distanza, li riceverete, penso, verso Pentecoste; ma comunque sia, sono già presenti, come faccio ogni giorno, nel Cuore di Gesù. Ogni vostra comunicazione mi arriva diritta al cuore! In spirito vi sono vicino e con voi prendo parte alle vostre prove, ai vostri duri impegni, come anche alle consolazioni che Dio vi concede per imprimere slancio alle vostre anime apostoliche.
Fate in modo che spesso possa ricevere vostre notizie, e anche se mi arriveranno dopo due mesi, sono stimolo per rivisitare le vostre trascorse occupazioni e di sollievo alle mie preoccupazioni. Sono infatti in apprensione per la vostra salute. Costretta a continue privazioni, a un regime tanto diverso dal nostro qui in Europa e sottoposta a continue fatiche; prendete ogni precauzione e fate ricorso ad ogni possibile aiuto e, qualora ve ne fosse bisogno, ricorrete a quanto secondo obbedienza ritenete opportuno. In tutto questo non abbiate nessuno scrupolo e fate incetta di ogni forma di dispensa.
In Francia stiamo andando verso una violenta persecuzione. Preghiamo affinché questi giorni vengano accorciati propter electos. Ci sarà bisogno di ampie ali d’amore, di forti testimonianze di fedeltà. Nonostante che pure qui in Italia la rivoluzione stia per arrivare, noi viviamo tranquilli; Dio non permette che la persecuzione si scateni contemporaneamente in tutti gli stati. Ci ha promesso che scacciati da un posto, troveremo sempre dove rifugiarci.
La Santa Sede ha nominato dom Marie Augustin vicario generale dell’istituto. Questa notizia sarà per tutti fonte di grande gioia. Suoi assistenti sono: dom Moquet, dom Claude Ecoffier, priore di Andora, il sotto-priore dom Arsène e il priore Jean Baptiste, parroco alla Bocca. Ogni religioso è libero di comunicare con loro. Anche se mi è stato dato un sostegno nell’incarico che Dio mi ha affidato, tuttavia non cesso di essere, davanti a Lui, il padre per le vostre anime e non cesserò mai di offrirgli per ognuno di voi ogni giorno amorevoli ed affettuose richieste come il mio cuore mi suggerirà. Che Dio, quale buono e autentico Padre, vi conceda di vivere quella vita nuova che Cristo ci ha acquistato con la sua resurrezione e che ogni giorno deve svilupparsi fino a raggiungere la sua pienezza.
Non aggiungo nuove su Andora, perché, penso, che già le conosciate. Pregate per il nostro caro dom Léon, la cui paralisi sempre più, anche se lentamente, va progredendo.
Cari figli, non c’è bisogno, dato il vostro tenero affetto, di chiedervi di pregare per me, perché possa ben prepararmi all’eternità. Se Dio, in virtù delle vostre preghiere, si mostrerà misericordioso verso di me, io sarò vostro intercessore presso di Lui, e vi sarò di aiuto molto più di quanto non lo sia stato su questa terra.
Addio, carissimi, che insieme a fr. Antoine benedico con grande affetto, che non invecchia mai, in Gesù e Maria Immacolata.


Andora Stazione 14 settembre 1907
Carissimo figlio e padre (dom Cyprien), carissimi figli, padri e confratelli.
Credo che siate venuti a conoscenza della nomina di dom Marie Augustin a vicario generale della nostra congregazione; anche se con questa nomina vengo ad essere privato del governo attivo sulla nostra cara famiglia, tuttavia sento che nel mio cuore sempre più si fa strada quel dolce e intimo affetto verso di voi che l’essere padre imprime nel profondo dell’anima. Mi sembra di provare in me gli stessi sentimenti dell’apostolo quando rivolgendosi ai suoi figli spirituali scriveva: non hatetis multos patres, nam in Christo Jesu ego vos genui. Carissimi figli, ai quali sempre sono vicino con la mia preghiera e che con il pensiero sempre seguo nelle vostre attività.
Le vostre lettere, che suscitano gioia nei vostri confratelli, sono per me di consolazione. Questi, con grande interesse, si accalcano intorno a me per ascoltarne la lettura! Continuate a suscitare in me queste sante gioie. A voi spetta questa santa missione di portare nell’America del Sud con la vita canonicale la perfezione apostolica della vita clericale, cioè “vita religiosa, cenobitica, monastica nel clero gerarchico”.
Carissimi figli, voi costatate personalmente le vestige della vista religiosa che sono presenti in queste vaste regioni, e dove un tempo era fiorente ora non restano che i nomi di edifici in rovina.
Bisogna ricominciare a fundamentis, come se fosse la prima volta. A voi Dio ha affidato una magnifica missione, e, insieme a grandi grazie, vi sta preparando una magnifica ricompensa nella gloria eterna.
Spetta a voi, iniziando dai ragazzi, riportare il clero all’autenticità della sua vocazione, formandolo secondo l’antica tradizione e il Concilio di Trento.
Godo nel vedere che l’opera abbia avuto un inizio così felice cioè lentamente, nell’umiltà e tra contradizioni.
Quanto a voi, cari figli, perseverate nella fedeltà alla vostra santa vocazione. Ben sapete come tante case religiose sono state chiuse lasciando tanti tristi ricordi, ma nessun rimpianto! Omnes declinaverunt, simul initiles facti sunt, e sono morte senza speranza, questi che erano gli eredi degenerati di san Benedetto, di san Francesco e di san Domenico. Dobbiamo aver timore, cari figli, di subire una simile sorte; preghiamo con molta umiltà, fiducia e perseveranza perché ciò non ci accada e per mantenerci nella più ferma fedeltà.
Presto avrete un aiuto nella persona di dom Jean Baptiste Murlat, che il vicario generale ha deciso di inviarvi, e che il 1° ottobre partirà da Marseille per Panama. Prendetevi cura di questo bravo ragazzo, ben disposto, molto umile e obbediente.
In Francia lo stato di miseria in cui è caduta la vita apostolica, sta suscitando in noi un forte slancio. È il momento che la Provvidenza ha preparato per la rinascita dell’istituto canonicale. Un vescovo riteneva che questo istituto era stato per lui una rivelazione. Ad Arras p. Raux continua a formare la parrocchia secondo lo spirito canonicale e ha aperto un collegio di Canonici Regolari perché Dio venga servito nella pienezza della vita canonicale. Il suo confratello il p. Aimé farà la sua professione il 30 ottobre. Altri due preti d’Arras verranno qui per iniziare il loro noviziato. Prima del 29 c.m. qui ci sarà la professione dei giovani confratelli Henri, Bernardin e Michelle (italiano).
In Francia ci sforziamo di conservare quanto già abbiamo, rischiando di andare in contro a privazioni e prendendo le debite precauzioni, che hanno risvolti negativi, soprattutto riguardo alle relazioni tra noi.
La preghiera è il nostro sostegno e rimaniamo uniti nella carità.
A Andora i nostri piccoli-fratelli ci sono di grande consolazione. Addio, carissimi e amatissimi figli, in questi ultimi giorni che ancora mi rimangono da vivere su questa terra sostenetemi con la vostra preghiera. Se Dio si mostrerà misericordioso verso di me, io sarò vostro intercessore presso di Lui, e vi sarò di aiuto molto più di quanto non lo sia stando su questa terra. Cordiali saluti. Nos cum prole pia benedicat Virgo Maria.

Andora Stazione 24 aprile 1908
Carissimo figlio e figli,
la vostra lettera del mese di febbraio è stata per me fonte di gioia e di consolazione. Grazie di cuore.
Per paterna disposizione della Divina Provvidenza siete chiamati a far risplendere la santità sacerdotale, garantita dalla nostra santa professione canonicale e dal sostegno del vescovo; questo è l’Ordine proprio della gerarchia; è la nostra santa vacazione, in quanto l’istituto canonicale è essenzialmente la vita religiosa nel clero titolare di una chiesa, parte costitutiva dello stesso clero diocesano. Voi siete il seme; la raccolta vi sarà quando in queste contrade verrà costituita la collegiata canonicale, centro e focolare da dove si diffonderanno priorati e curie. Il vostro santo vescovo si rende conto di questa grande opera, nello stesso tempo splendore dell’antichità e speranza per il futuro. Voi portate in questi popoli, in queste regioni con un promettente futuro, futuro che dovrà essere cristiano, gli stupendi mezzi della preghiera e della penitenza. Allorquando la vita di comunità verrà stabilmente costituita, con il nascere della scuola clericale con numeroso personale, allora questa vita di preghiera e di penitenza potrà facilmente diffondersi e risplendere, come già in passato il cielo e la terra l’ebbero a contemplare. Nel frattempo non resta che lavorare incessantemente, vivere la vita con grande impegno, tra enormi e feconde fatiche. Stando così le cose fate in modo che unico vostro bene comunitario sia una dolce e forte unità, unione di spirito e d’intenti nella fraterna carità e filiale obbedienza di tutti verso di voi, caro figlio Cyprien.
Due volte al giorno prego nominatin per ciascuno di voi e mi ricordo di voi al santo altare. In modo particolare prego per la salute dei cari dom Cyprien e dom Amédée. Tenetemi informato sulla vostra vita piena d’impegni sacerdotali, pastorali ed apostolici.
Senza dubbio volete avere notizie su Andora. Tutto procede normalmente, secondo quella regolarità che Dio permette in mezzo ai pericoli di persecuzione che si accumulano sull’Italia. Sembra che l’Europa intera vedrà le sue regioni una dopo l’altra esperimentare una simile tempesta. Il vantaggio che ne deriverà per le generazioni future sarà quello di una più ampia diffusione della vita apostolica nel clero. Proprio in quanto tale il nostro istituto risponde alle esigenze del tempo presente e futuro.
Ad Arras il p. Raux sta portando avanti con impegno un primo tentativo di vita canonicale con i suoi vicari. Presto dom Amédée Delplanque andrà ad aiutarlo; quindi sarà la volta di due novizi che tra sei mesi termineranno il loro noviziato.
Anche a Paris si nutrono buone speranze per il futuro. Conserviamo, anche se con chiara difficoltà, Chatel, la Bocca, Lus e Saint Claude. Solo in America si respira aria di vera libertà.
Addio, cari figli e caro Cyprien, come anche a tutti coloro che vi assistono uniti nella carità e la santa obbedienza. Un grazie al caro dom Dominique per la sua cartolina che ho appena ricevuta, da tutti molto apprezzata. Addio e cordiali auguri per la Pasqua.

Non ricordo se vi ho inviato un appunto sull’ordine canonicale. Eccolo, con allegata una meravigliosa lettera del generale dei Domenicani, nostri fratelli in canonicae religionis observantiae, che San Domenico ha lasciato loro in eredità.

Andora Stazione 8 settembre 1908 (in festo Nativitatis Dominae Nostrae et sancti Adriani servus)
Cari figli e confratelli, (dom Cyprien e confratelli del Callao)
Oggi il mio povero vecchio cuore vive una doppia e triplice festa. Sono certo che oltre oceano anche voi fate festa con me. Festa della nostra Madre; festa del suo umile servitore che il martire saint Adrien riveste con la sua porpora, con la sua rossa veste, che nel celeste bouquet rifulge per i fiori che Maria Immacolata ha fatto ivi risplendere: hortus conclusus Domini. Anniversario anche della definitiva fondazione della nostra congregazione con la prima professione perpetua dei suoi religiosi. Con grande gioia e profondo interesse ho ricevuto le vostre cartoline postali con le prime notizie sul vostro vastissimo apostolato. Ben sapete che questo comporta sacrifici; ma la messe crescerà, perverrà a maturazione e sarà raccolta dagli angeli per essere vostra ricompensa eterna. Qui nulla di nuovo; il Sommo Pontefice sta dandosi da fare per l’approvazione delle nostre costituzioni. Sono ormai 43 anni che, nella nostra casa, eretta poi ad abbazia a Saint Antoine, la vita liturgica e la vita di penitenza secondo la tradizione viene fedelmente osservata. Dio ci ha benedetti, e fatto crescere anche in mezzo a persecuzioni.  Il vostro compito consiste nel preparare un futuro, che Dio solo conosce, in cui si vivrà in pieno quella vita canonicale, che voi avete esperimentato a Saint Antoine; questo voi lo state preparando con il vostro lavoro, con il vostro grande interesse per le sante pratiche, anche se con qualche eccezione. Voi però compensate quanto manca delle nostre sante osservanze con l’unione interiore e continua dei vostri cuori al Cuore adorabile di Gesù, e con i sacrifici, frutto del vostro amore, derivanti dal vostro operare in mezzo ad un popolo, che insieme alle consolazioni del santo ministero, non vi farà mancare amarezze.
Chiedo a Gesù che vi sia vicino nella prova e che vi dia la forza di rimanere uniti al suo Cuore per mezzo della santa e amorevole carità.
Mio sincero e caro padre Cyprien, mi auguro che tutti siano a voi uniti con fraterno e filiale affetto, e rispondano coralmente in perfetta e santa obbedienza.
Addio, cari figli; non credo proprio che mi sarà possibile venire da voi; rimango in unione con voi nel mistero della divina Eucaristia. Con affetto vi benedico.

Andora Stazione 20 settembre 1909
Carissimo padre,
con il pensiero vi seguo continuamente nel vostro lontano apostolato. Dio sempre benedica il vostro lavoro e le vostre sofferenze! La croce è il tesoro dei discepoli del Divino Crocifisso!
Vi chiedo di pregare per me in questo ultimo periodo della mia vita su questa terra. Dio ha voluto che il nostro istituto subisse una prova che secondo i suoi disegni (di cui non si pente mai) la liberà da ogni componente umana nisi granum frumenti mortuum fuerit. Dio in questo modo marchia le sue opere. Vi rendete senza dubbio perfettamente conto della riservatezza richiestami in questo frangente.
So, dati i numerosi segni che Dio ha voluto concedermi, che la rinascita della vita e dell’istituto canonicale nella santa chiesa è Dio che lo vuole. Non si tratta di qualcosa di nuovo, ma di un modo di vivere che affonda le sue radici agli albori della chiesa. Questo Dio mi ha voluto far conoscere con la mia vocazione, questo è quanto è stato benedetto da Pio IX, cioè la restaurazione dell’ordine dei Canonici Regolari juxta constitutionem antiquae Canonicorum Regularium alicujus constitutionis quoad substantiam (lettera della Congregazione 1876), questo quanto confermato e solennemente approvato da Leone XIII, questo quanto i grandi servitori di Dio hanno sostenuto con le loro riflessioni, le loro ardenti esortazioni per mezzo secolo e che non può morire; questo perché come mi era stato detto a Roma e continuamente mi ripetevano una trentina di vescovi francesi, (l’élite del nostro episcopato), quest’opera risponde ai bisogni del tempo per la santificazione e la potenza del ministero ecclesiastico.
Dal momento che l’istituto ha antiche fondamenta, è cosa naturale che le osservanze storiche ne determinino la natura. Carissimo padre, vi ho presentato, a mo’ di sunto, la sostanza riportata nell’istruzione del 1897 che vi ho a suo tempo inviato, e alla quale oggi allego una relazione che ho tenuto al congresso dei giureconsulti cristiani nel 1906.
Per volere di Dio stesso, che ha posto nella mia vita e radicato nel mio cuore la paternità santa e fatto crescere quei legami che mi hanno posto, in forza di questo sacro titolo, a vostro servizio, devo rimanere a voi fedele.
Aiutatemi a portare a termine la mia corsa. Pregate per me perché anch’io, possa, dopo aver ricevuto tante grazie da Dio (oggi ricorre l’anniversario della mia ordinazione), dopo tanti peccati e defezioni, dire, come san Paolo: cursum consummavi, fidem servavi, reposita est mihi corona, non plus justitiae, ma secundum magnam misericordiam; misericordias Domini in aeternum cantabo.
Addio, a voi, al caro dom Amédée, al caro dom Dominique, e ai vostri cari confratelli, che con grande affetto benedico.

Finalmente “La Sainte Liturgie” è stata data alle stampe. Ne invio una copia per voi e i vostri confratelli. Fatemi il piacere di far pervenire al rev. p. Kieffer la copia a lui riservata (indirizzo: rev. Kieffer, ambassade de Russie, apartado, 693, Lima)

Andora Stazione 14 novembre 1909
Carissimo figlio e fratello,
nella nostra vocazione Dio con continui e manifesti segni ci ha fatto conoscere quale sia la sua santa volontà, a tal punto che non possiamo nutrirne dubbio alcuno. Siamo venuti a conoscenza di ciò che Dio ha voluto da noi quando ci ha fatto incontrare l’ordine canonicale e ci ha dato l’incarico di dichiarare a Roma, in Francia, per mezzo di vescovi, per opera di santi servitori di Dio, che la restaurazione di quest’ordine, che apre al clero l’accesso alla vita religiosa e monastica nel servizio ordinario della chiese, rispondeva ai bisogni del tempo presente.
Quindi, carissimo, poiché Dio non può venir meno alle sue promesse, e poiché la nostra santa vocazione, da Lui legittimata, ci ha impegnato e lo ha impegnato secondo l’essenza di questo patto, l’essenza dell’istituto canonicale, rimaniamo fermi nella fedeltà e nella fiducia. È cosa buona che il grano di frumento subisca la morte per poter essere fecondo: expecta, rexspecta.
Carissimo, credo che per noi sia giunta l’ora della preghiera, mistero della croce!
Rimaniamo sempre più strettamente uniti al Cuore di Gesù nella sua agonia: affectus nostros participando curabat, afferma san Leone magno. Ha provato paura, pavere; sentito ripugnanza, taedere; provato il dolore, contristari et moestus esse; il rifiuto, transeat a me calix iste; questo calice è stato quello del suo amore e per la salvezza del mondo, la sua gioia eterna, proposito sibi gaudio; calix meus inebrians quam praeclans est.
Spetta a noi prestare ascolto al suo invito: potestis bibere calicem quem ego bibiturus sum?
È per noi il momento della speranza, dell’attesa, di saper vedere in anticipo il momento della gioia per la santa chiesa, che con certezza verrà dopo le lacrime dell’ora presente.
Credo che abbiate sotto mano quanto vi ho insegnato riguardo all’istituto canonicale, alla sua essenza, alla sua storia; tutto questo ha avuto l’approvazione, è stato riconosciuto autentico e utile dalle autorità più autorevoli e dai grandi servitori di Dio. Vi invio l’esposizione che feci ai giureconsulti cattolici nel 1907.
A tutti i miei figli dico: aspettiamo nella speranza e nella fedeltà, aspettiamo vivendo in quella pace che la volontà di Dio, amata e perseguita, ci assicura.
La protezione di Maria Immacolata sia sulla famiglia che il grande Pio IX ha benedetto!
Vi abbraccio in osculo sancto e con affetto vi benedico

Andora Stazione 10 gennaio 1910
Carissimo figlio e fratello,
la vostra gradita lettera di dicembre scorso, che mi è arrivata all’inizio del nuovo anno, è stata per me come una dolce e consolante strenna.
Siamo molto lontani; ma i nostri angeli custodi possono fungere da messaggeri solleciti e fedeli, e far giungere ai nostri cuori le dolci e calde sensazioni della forte carità che ci tiene uniti. Mi sembra di stare sempre vicino a voi: due volte al giorno il vostro nome e quelli, molto cari, dei vostri confratelli, miei figli, li ricordo nella mia preghiera, e al momento della santa celebrazione eucaristica. A voi unito nel cuore di Gesù, sento di essere vostro e di considerare voi quali miei figli carissimi.
Conservate, carissimi, lo spirito che Dio per mio mezzo vi ha fatto conoscere, lo spirito della grande e venerabile istituzione dei canonici regolari, che altro non è che lo spirito della primitiva e immortale istituzione del clero antico, chiamato alla santità apostolica nel servizio delle chiese.
Questo spirito è stato l’oggetto di una relazione pubblicata da “le Prêtre” nel 1907, che vi ho inviato già da molto tempo. Questo ideale, che riprende la venerabile tradizione dei nostri padri, continuerà a propagarne l’autentico contenuto. Per noi viene a costituire il nostro cammino di santità, la nostra vocazione.
Carissimi figli, non è dato, all’inizio di un’attività o di una fondazione, rendersi conto di tutto lo sviluppo dell’ideale preparato per le nostre anime. Ma bisogna portarlo nel cuore, averlo presente nello spirito e nella preghiera, e anche difenderlo all’interno delle nostre anime contro ogni attacco proveniente dallo spirito dell’uomo carnale, prudentia carnis quae inimica est Deo, e che getta le anime in quel triste stato di cui parla l’apostolo: quos flens dico, inimicus crucis Christi, come anche contro gli attacchi di tendenze che più o meno provengono da un pericoloso modernismo, e le illusioni di uno zelo che spinge alla ricerca di vie nuove.
Quanto a noi rimaniamo fedeli alla parola di san Paolo: non judicavi me scire inter vos, nisi Jesum et hunc crucufuxum. O mirabile mistero della Croce, Cuore di Gesù aperto sulla Croce, siate il riparo dove io convoco i miei figli, dove li voglio tenere al riparo, dove Gesù mi unisce a loro e ci unisce nel suo Spirito e nel suo amore, in modo da farci uno per mezzo di questo amore!
Vi invio due copie di “La Sainte Liturgie”; una di queste è per i miei figli che si trovano a Jauja (non so se scrivo correttamente il luogo dove si trovano). Ho tempo fa ricevuto una lettera del caro dom Domenique che proveniva da questo luogo che però non sono riuscito a interpretare con certezza. Vi prego, carissimo figlio, di fargli avere la mia tardiva risposta. Allego insieme alla Sainte Liturgie una copia della relazione che ho tenuto al Congresso dei Giureconsulti Cattolici. Ve la mando come segno del mio affetto; la rivoluzione continua a produrre rovine. Ma Gesù sarà capace di edificare sulle rovine, e questo per la santificazione del clero e la salvezza del popolo cristiano.
Non ho avuto per il momento l’occasione di incontrare il padre vicario generale, dopo il suo rientro in Europa. Dopo la partenza da voi è andato in Canada. Con grande piacere, quando mi sarà possibile incontrarlo, riceverò vostre notizie.
Ora, carissimi, non mi resta che affidarvi al Cuore adorabile di Gesù, al Cuore materno di Maria Immacolata.
Pregate per me perché possa terminare la mia lunga corsa santamente. Se Dio mi userà misericordia potrò così raggiungere i miei cari figli che mi hanno preceduto pienamente convinti della bellezza della nostra santa vocazione: Paul Bourgeris, Claude Antoine, Ubald, Benoît, Laurent, il converso Louis; ed altri ancora. Mi aspettano, mi chiamano e con loro pregherò per voi, miei figli, per la grande famiglia del futuro, la grande famiglia dell’istituto canonicale, chiamata a vivere nella sua integrità e a portare nelle chiese il grande ministero della vita liturgica e della vita di penitenza.
Addio, carissimi figli e fratelli, che con affetto benedico nel nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo.

Andora Stazione 17 gennaio 1911 (in festo Patris nostri sancti Antonii magni)
Carissimo padre, confratello e sincero figlio,
mi sono molto commosso nel ricevere la vostra ultima lettera; il mio cuore di padre è sempre in apprensione per quanto può accadere ai suoi figli. Voi, al momento, soffrite una profonda solitudine.  Ero all’oscuro della vostra situazione e mi permetto di richiamare alla vostra memoria quel grande modello di religioso, come voi esiliato e solitario a Ica, di cui mi avete parlato. Dio, come afferma nostro Signore, permette a Satana di provarvi, ma l’opera, la grande opera della restaurazione della vita canonicale, cioè della vita monastica con tutte le sue grazie, della vita religiosa nella professione della povertà, consacrata dalla preghiera liturgica e la penitenza secondo la tradizione, di quella vita condotta secondo le regole e gli esempi dei nostri avi, aperta al clero diocesano, sotto la guida dei vescovi, opera che ci si presenta a noi come voluta da Dio, per mezzo di segni così chiari che dubitare del suo futuro vorrebbe significare mancanza di fiducia. L’inattesa prova che nella mia vecchiaia mi è piombata addosso è un segno che l’opera è di Dio e che deve passare al vaglio per essere purificata da ogni componente umana per poter così essere vista come esclusiva opera sua. Non è possibile, caro figlio, esprimere con il solo scritto tutto il significato nascosto nel mistero del grano di frumento che prepara la raccolta dopo essere interrato, del ferro provato al fuoco per diventare spada. Pertanto, caro figlio, come in continuazione me lo ricordano le autorevoli parole di santi vescovi: fiducia invincibile, pazienza e pieno abbandono nelle mani di Dio. Dio non può venir meno alla sua santa volontà che ci ha manifestato nei felici giorni dei tempi passati. Quello che Pio IX e i suoi successori hanno continuamente lodato, approvato e incoraggiato; quello che l’élite dell’episcopato francese (32 vescovi dopo il Concilio) avevano raccomandato; quello a cui i grandi servitori di Dio avevano guardato con molta simpatia; quello che, come si diceva, risponde ai bisogni del tempo presente per la santificazione del clero, poiché gli indica la direzione verso cui andare e quali esempi seguire, come anche per il rinnovamento della vita cristiana del popolo per opera di un clero sempre più santo.
Avvicinandomi all’eternità, carissimo figlio, chiedo che i miei cari preghino perché possa essere trovato pronto. Se Dio mi userà misericordia, potrò esservi più utile di quanto non lo sia su questa terra. Nell’attesa di andare presso di Lui non mi resta che vivere nel raccoglimento e nella preghiera. Il nuovo governo mi vuol estromettere anche dal chiamare agli ordini e al sacerdozio quei ragazzi che, davanti a Dio, devono la loro formazione ai miei sacrifici, e inoltre mi si chiede di rimanere, d’ora in avanti, al di fuori di ogni decisione riguardo alla congregazione. Quanto vi riferisco riguardo alla situazione delle nostre diverse case l’ho appreso dall’esterno. Hélas! Nonostante i miei sforzi, molti hanno lasciato l’istituto e hanno ceduto alle richieste dei vescovi (in Canada) e alle difficoltà. Continuamente per loro prego affinché Dio possa far loro provare quello che un tempo hanno assaporato con il permanere vicino al suo Cuore, nella gioia della nostra vocazione! Caro figlio, questo è quanto posso comunicarvi: in Francia a la Bocca: dom Paul Raymond, superiore, dom Foisset, dom Georges Zillert; a Chatel Montagne, dom Athanese (che ha subito l’esportazione di un occhio, uomo sempre ammirevole), dom Agnèce; a Paris (saint Ouen) dom Thomas, dom Maurice, dom Ignace; nella diocesi di Vesailles: dom Théodore, dom François. A Dumfries: dom Joseph Cottet, sempre deciso e fedele nel suo solitario dedicarsi. A San Remo: dom Jean Baptiste (assistente), dom Jérôme, dom Emmanuel, dom Alois Ferrey; a Diano Marina: dom Louis Ferrey, sempre fedele nonostante la sua età (73 anni). Ad Andora con me: dom Claude, dom Arsène (assistenti), don Louis Marie, dom Georges, dom Raphael Biehler, dom Michel Biehler, dom Avit, sei piccoli-fratelli, cinque studenti, il resto della nostra scuola canonicale. Dom Edmond è deceduto nel mese di novembre, subito dopo i santi esercizi.
A Roma con dom Delaroche: dom Moquet, dom Genevet che è maestro dei novizi, dom Hugues, e altri della maggior parte dei quali non conosco i nomi, (novizi- studenti) eccezion fatta di quelli che abbiamo conosciuto ad Andora. In Canada: dom Paul Benoît, che ha dovuto rinunciare ad ogni incarico, compreso l’insegnamento, e ritirarsi a Saint Léon nella preghiera, vivendo in uno stato di lodevole umiltà; al suo posto a N.D. de Laude: dom Antoine Chalumeau, dom Paul Benoît junior, che dopo un nuovo attacco intestinale è rimasto per quattro mesi a letto e ha potuto celebrare la messa il giorno di Natale, e passare un peiodo di convalescenza nella preghiera, dom Edmond Barton, dom Joseph, e dom Bénédict suddiacono;  a Saint Claude: dom Joseph Radaz, dom Jean Marie Conte; a Saint Léon: dom Straub e dom Simon; a Saint Alfonse: dom Charle Deustehler, dom Martin; a Nominingue: dom Hanri Chalumeau superiore (e parroco dopo la partenza di dom André, secolarizzato e incardinato nel vicariato apostolico di mons. Latulippe), dom Arduin L(S)abelle e infine a l’Annonciation e in altre parrocchie: dom Vincent, dom Victor, dom Mallet, dom Etienne, dom Arduin Dalloz.
Questo, carissimo, quanto mi è dato conoscere del personale dell’istituto.
Preghiamo, speriamo e rimaniamo fedeli nelle diverse vicissitudini che Dio permette per mettere alla prova il nostro amore. Oh! Andiamo alla scoperta del mistero della Croce: la croce è la grazia più preziosa, la più potente, la più feconda. È il miglior dono che il Cuore di Dio ci possa offrire. Non rifiutiamola, abbracciamola in dolce unione a Colui che per noi ha voluto morire su di essa.
Addio, carissimo, che con grande affetto benedico.

In Italia la rivoluzione si espande in continuazione e gravi avvenimenti potranno accadere nell’arco dei prossimi due anni.
Questa è l’aria che si respira anche a Roma. Pio X per quest’anno, e in attesa di nuovo sviluppi, ha soppresso per il momento ogni pellegrinaggio.
Riguardo all’istituto canonicale non ho nulla di nuovo da apprendere, a me spetta consegnarlo al futuro così come a mia volta l’ho ricevuto dal passato.
Ho esposto in modo esaustivo il mio pensiero nei miei scritti e il rev. p. Desurmont ce lo ha con chiarezza esposto nelle parole che ci ha lasciato. (vi affido queste righe, pregandovi di prudentemente considerarle come una paterna confidenza). Con affetto e nella vostra memoria.

Andora Stazione 17 febbraio 1912
Carissimo figlio e fratello,
Dio non ci ha ingannato sulla nostra santa vocazione e la rinascita dell’istituto canonicale. Abbiamo ricevuto così tanti doni e segni della sua santa volontà che per noi mettere in dubbio il suo disegno o lasciarci prendere dalla scoraggiamento significherebbe venir meno al suo amore, quell’amore in virtù del quale ci ha affidato quest’opera. Si tratta del grano di frumento: all’inizio fragile e simile ad una goccia di latte al momento della mietitura, protetto da delicati involucri all’interno e al difuori da strutture più solide e fornite di punte, si sviluppa al loro riparo e a poco a poco cresce, come per incanto, come spiga al disopra del terreno. Una volta giunto a maturazione, e privo di ogni protezione deve, nudum granum, cadere da quell’altezza, dove il sole lo raggiungeva con i suoi raggi, essere calpestato, morire, nisi mortuum fuerit… per poter rinascere e divenuto fecondo produrre una messe abbondante.
All’inizio anche il nostro istituto era protetto dalla materna bontà di Dio, dalle delicate cure dei grandi servitori di Dio: mons. de Segur, i revv. Padri Giraud e Dusemont, mons. d’Hulst; all’esterno godeva della protezione dell’élite dell’episcopato, dei cardinali Caverot, Mermillod, Pie e dei trentadue vescovi, élite del Concilio Vaticano. Veniva posto, come su di un piedistallo, dalle esortazioni, gli elogi, le benedizioni dei Sommi Pontefici. Oggi tutto questo è venuto meno, nudum granum; giunti a questo grado di maturità dove incontriamo la morte, dobbiamo essere capaci di nasconderci in questa, per mezzo della quale deve realizzarsi il mistero della vita nuova, della resurrezione che farà apparire l’opera di Dio, ormai priva di ogni componente umana, purificata e totalmente sua.
Adesso non si vedono che rovine: ma Dio ci chiede fiducia indefettibile, fedeltà a tutta prova, pazienza perseverante fino al momento del compimento dell’autentico disegno di Dio.
In Europa si va sviluppando un indubbio orientamento, come ispirato dallo Spirito Santo, delle anime sacerdotali verso la vita monastica e religiosa, verso la vita liturgica, comune e penitente, del clero delle chiese sotto la giurisdizione dei vescovi. Dovunque e ogni giorno queste tendenze vanno diffondendosi. È l’inizio di una nuova aurora: con la nostra preghiera e la nostra attuale immolazione affrettiamo l’arrivo del nuovo giorno fino al suo pieno splendore.
Caro figlio, sono molto interessato al futuro della vostra cara scuola; essa sarà, come a suo tempo Baudin in Francia, l’inizio di questa grande restaurazione in questi lontani paesi, che provano il bisogno della croce, della vita di penitenza, del mistero della liturgia.
Non mi resta che con voi e per voi pregare; ogni giorno vi penso, soprattutto presso l’altare.
(confidenziale) l’attuale amministrazione mi considera come un estraneo, piuttosto come un morto. Ogni relazione tra noi si è interrotta. I miei stessi figli (non posso abdicare alla mia paternità), gli stessi che ho allevato a prezzo di sacrifici e per i quali mi sono molto dedicato e a cui sono affezionato, ma si recano più da me quando vengono destinati (a mia insaputa) in paesi lontani e ottengono il permesso di far visita ai loro famigliari (una sola eccezione: dom Eusebe); non mi scrivono quando vengono chiamati all’ordinazione, ed io ne vengo a conoscenza solo  dall’esterno, ecc…
(comportamenti questi che senza dubbio vengono loro dettati). Poiché Dio permette tutto questo per raggiungere la santificazione attraverso la croce che è la più sublime delle grazie, a me non resta che pregare in silenzio e mettere al riparo nel Cuore adorabile di Gesù, che ha fatto scaturire in me una inviolabile tenerezza verso di loro, quelli che mi ha affidati e di cui mi ha costituito padre.
Carissimo figlio, fiducia, speranza a tutta prova, fedeltà, amore della croce. Vi benedico insieme ai vostri cari niños.
Pregate e fate pregare per me (domani compio 84 anni)

Andora Stazione 2 settembre 1912
Carissimo figli e fratello,
la vostra lettera, frutto del vostro fedele amore, è per me fonte di gioia e di consolazione in questa prova inaspettata e che Dio permette per santificare la mia vecchiaia e liberare da ogni componente umana l’opera così importante della restaurazione dell’istituto canonicale in conformità al suo disegno.
Il grano, fragile goccia di latte al momento della sua nascita, protetto inizialmente da delicato rivestimento all’interno e all’esterno da uno più resistente, dotato di punte si sviluppa al riparo di questi elementi e a poco a poco appare in tutto il suo splendore come spiga al di sopra del terreno. In seguito, una volta giunto a maturazione, deve, privo di ogni protezione, nudum granum, cadere in terra e in essa morire. Se rimane nella spiga e nello splendore di questo stato, solum manet, rimarrà sterile, se invece mortuum fuerit, multum fructum offert. Questa è la realtà della nostra iniziativa. Spetta a noi prenderne atto e portare a compimento il suo essere per mezzo di una fedeltà incrollabile, una fiducia a tutta prova in Dio che non ha sbagliato nel donarci questa vocazione e a chiamarci per questa sua opera, oltre ad una pazienza tenace fino al momento della realizzazione dei suoi disegni.
So bene, carissimo figlio e fratello, che vanno diffondendosi storielle e racconti di una cattiveria unica. Ho scritto al card. Vivès al momento della pubblicazione delle nuove costituzioni dicendo che, senza mancare all’ubbidienza e alla sottomissione, in queste costituzioni non vedevo presenti i punti essenziali dell’opera alla quale mi ero votato da circa cinquanta anni. Questi i punti essenziali: 1° il carattere locale dell’istituto dei canonici regolari; collegiate (abbazie o altro nome), da dove dipendono le case obbedienziali, come rami uniti ad un tronco. (mi è stato detto che non ero di questo avviso prima che mi venissero rivolti alcuni richiami, ma si consulti quanto da me scritto nel libro “de l’Eglise” e nelle vecchie costituzioni). Si tratta quindi di una unione puramente federale non del tutto centralizzata, perché le collegiate o domus majores sono autonome (il prof. De Angelis già quarant’anni fa mi diceva che gradiva molto quest’idea, e il p. Lolli del Laterano, che condivideva la stessa idea, un giorno ebbe a dirmi che l’ideale per l’istituto era quello di avere i vescovi come abbati, nel rispetto tuttavia dell’istituto e delle sue regole, come rispettano le regole delle religiose sotto la loro giurisdizione e le leggi dei loro capitoli). 2° vita liturgica integrale. 3° vita di penitenza secondo la tradizione che si rifà a San Benedetto, salvo alcune varianti (con minor severità) come quelle dei canonici regolari domenicani.
Si tratta quindi non di mie invenzioni, ma dell’eredità dei nostri padri di Saint Victor, Aronaise, ecc…
Il Papa ci aveva chiesto di conformarci, quoad substantiam, agli antichi canonici regolari.  Questo era quanto doveva rinascere, poiché questo era il seme che all’inizio era stato gettato nel terreno della nostra vocazione.
Carissimo state lavorando per far rinascere nei vostri ragazzi questa mentalità e ad aderire alla vocazione canonicale; non dovete mai scoraggiarvi; ostacoli e defezioni sono sempre presenti nelle opere di Dio. Maria Immacolata vi ricopra del suo manto, sicut gallina colligit pullos suos.
Pregate per me perché possa fare una santa morte. Se Dio, nella sua materna protezione, mi userà misericordia, sarò per i miei figli e per l’opera più utile di quanto non lo possa essere stando su questa terra.
Addio, con affetto vi benedico. Non riesco a mettermi in contatto con dom Hardouin. Chiedete che preghi per me. Addio.

Vi invio diversi scritti che vi interesseranno quale eco della nostra lontana e indefettibile unione.

Andora Stazione 11 gennaio 1913
Carissimo figlio e fratello,
con impazienza aspettavo l’arrivo della vostra lettera, che ho ricevuta insieme all’annuncio della morte in Canada del caro e angelico dom Paul Benoît junior. L’istituto ha in cielo un nuovo protettore. Per il momento non sono ancora venuto a conoscenza dei particolari di questo decesso, che senza dubbio sarà avvenuto santamente come santa è stata la sua vita.
Carissimo figlio, Dio vuole che abbracciamo la croce; abbracciamola e con incrollabile fiducia e generoso amore anche noi condividiamone lo spirito d’immolazione. È necessario che il grano di frumento muoia per diventare fecondo. La nostra vocazione, come anche la restaurazione dell’istituto canonicale sono opera di Dio. Facciamo sì che la nostra fiducia in Colui che ce l’ha fatta conoscere e che non inganna mai, sia all’altezza delle vicissitudini che Egli permette per mettere alla prova e santificare le nostre anime!
Insieme a questa lettera, senza dubbio, riceverete anche il nuovo decreto in virtù del quale si annulla l’experimentum della nuove costituzioni, che saranno pertanto dichiarate definitive. Con lo stesso decreto dom Delaroche verrà nominato, senza elezione, superiore generale per dodici anni, e anche costituito un nuovo consiglio per dodici anni. Gli assistenti del precedente consiglio decadranno, eccezion fatta di dom Moquet che diventa primo assistente. Dato che non ci sono elezioni, a noi non resta che dare, in silenzio, il nostro assenso.
Preghiamo, preghiamo, preghiamo; rimaniamo fedeli, fiduciosi e pieni di santa speranza.
Carissimo figlio e fratello, tenetemi informato dettagliatamente sulla vostra vita e sulla vostra attività di formazione clericale dei ragazzi che vi sono affidati.
Addio, pregate per me e per tutti. Con grande affetto su di voi le mie paterne benedizioni.

La nuova amministrazione ci ha comunicato che la nostra angelica scuola di Andorra verrà chiusa e ne rivendica la proprietà.

Riportato nella stessa lettera: parole rivoltemi da un santo arcivescovo (mons. Sevin).
In questo momento N.S. vi chiede: sofferenza, immolazione sulla croce. Vi ha scelti per essere vittima. Ha stabilito di fondare il vostro istituto con il vostro doloroso annientamento. Dite: fiat, fiat. Solo questo e null’altro. Non saranno mai troppe le sofferenze interne ed esterne per una vittima. State passando un momento particolare? Ma forse non state semplicemente provando quella situazione propria dei fondatori? S. Giovanni Baptiste de la Salle e S. Francesco d’Assisi non sono stati rifiutati dai loro stessi figli? S. Giuseppe Calasanzio e S. Alfonso de’ Liguori non sono forse stati allontanati dalla loro congregazione dall’autorità e i decreti dei Papi? È necessario che i fondatori siano delle vittime. È bene che voi diveniate la prima vittima del vostro ordine e la più significativa. Ma tutto sta crollando, dite. Certo umanamente tutto è perso. Ma è nella vostra vocazione che si nasconde la grazia più grande e il pegno più sicuro dell’amore di Dio per voi, e le benedizioni per la vostra opera. Questa è la prova per cui Egli dimostra di gradire il disegno di rinascita del clero parrocchiale; voi siete il grano di frumento: la vostra immolazione è necessaria per la fecondità della vostra opera. Prendete la croce e fate in modo che il vostro amore per essa e la vostra speranza crescano nella prova.
Qualcuno ha detto che la vita mistica si riassume in tre parole: pregare, agire, soffrire. È vero; ma a voi è riservato solo il soffrire. Volete restaurare il clero parrocchiale con il vostro istituto, con i vostri inserirvi un nuovo modo di vivere, una vita religiosa. Ma avete mai pensato al grande compito che vi aspetta, agli errori da superare, alle indifferenze da combattere, alle luci da ottenere, alle grazie da meritare? Questo per obbligare Dio a concedere tanti favori, perché tutto dipende dalla sua grazia. Con la vostra vita di vittima, con il vostro sacrificio adimpleo ea quae desunt passionem Christi pro corpore eius quod est ecclesia, cuius factus sum minister. Con la vostra vita di vittima, in unione con molte altre, con il vostro sacrificio associato a quello di molti.
Dovete avere sempre davanti a voi il ruolo di ogni vittima. È triplice: 1° in riferimento a Dio: la vittima è un sacrificio offerto all’Altissimo; è necessario che sia, come accade nell’olocausto, completamente immolata e distrutta perché, come si richiede, diventi adorazione, espiazione, domanda, ringraziamento. 2° in riferimento a se stessa: il sacrificio della vittima comporta trasformazione e santificazione. In essa non rimane più nulla di carnale; tutto viene a configurarsi a Gesù Cristo sulla croce, alla quale è appesa. Soffre, ama, si abbandona. 3° in riferimento ai suoi fratelli, il clero: la vittima si carica dei loro peccati, si carica del disorientamento, e tutto espia nel dolore.
Quale grande dignità! Ma sotto alcuni aspetti è necessario che la vittima soffra sulla croce.
Quale il suo porsi in riferimento alla croce. Essa può o accettare la croce, o domandare la croce oppure procurarsi la croce. È voi cosa pensate di fare? Procurarvi la croce con i vostri voti, mortificazioni, digiuni, veglie… per onorare Dio e salvare le anime. È cosa buona. È con l’atto di abbandono al Signore che voi fate questo ogni giorno, atto con cui consegnate al Lui la vostra anima, il vostro corpo, i vostri pensieri, sentimenti, desideri, il sangue delle vostre vene, tutto il vostro essere perché Dio realizzi in voi quello che voi volete e cioè che vi conceda di prendere parte, secondo il suo disegno, alla sua santa morte, alla sua passione. Dio vi ha esaudito, e tra tutte le croci possibili vi ha dato la più crudele, la più pesante, la più potente, la sola di fronte alla quale il vostro cuore avrebbe potuto cedere. Accettate questa croce dicendo a Dio: fiat voluntas tua. Non dico di desiderarla; ma di accettarla perché possiate essere una delle vittime per il riscatto del clero di Francia; ripetete il vecchio detto: pati aut mori; pati et contemni pro te; pati, non mori. Amare vuol dire soffrire; più vi accostate al Cuore di Gesù più dovrete soffrire. Ma più stringerete la vostra croce tra le mani, più ne scaturiranno grazie abbondanti per il clero e pe i vostri… abbiate fiducia e vedrete la rinascita.

Carissimo figlio, che queste parole di questo santo prelato valgano non solo per me, ma anche per te.

Lyon 20 febbraio 1914
Carissimo figlio e fratello,
le vostre parole mi hanno profondamente commosso. Con le preghiere che nascono dal vostro affetto mi siete di sostegno presso Dio, e nelle prove con cui Dio vuol santificare questi ultimi giorni della mia vita terrena e concedere grazia e fecondità alla grande opera della resurrezione della vita monastica cioè della religione e dei santi impegni nel clero titolare delle chiese, poiché lentamente questa antica religione clericale era divenuta esclusivo appannaggio delle congregazioni apostoliche e sussidiarie. Spesso mi avete sentito affermare che nel mondo vi sono due forme di ministeri, uno semplicemente apostolico, senza legami con le chiese particolari e dedito al servizio della chiesa universale; l’altro locale, gerarchico, legato alle chiese locali; l’uno, nello stato di perfezione, costituisce i religiosi del Capo della chiesa; l’altro, nello stesso stato di perfezione e un tempo presente dovunque, con il suo istituto canonicale costituisce i religiosi dei vescovi.
Credo di avervi già fatto conoscere le meravigliose parole che l’arcivescovo di Lyon mi aveva suggerito come orientamento per la mia anima e quanto in continuazione mi ripeteva riguardo alle future grazie derivanti, in forza dell’opera a cui ero stato chiamato, dal mistero della croce, da questo divino invito: potestis bibere calicem quem ego bibiturus sum? Spesso rileggo le lettere così incisive e illuminate di questo santo prelato che Dio ha messo sulla mia strada, ora che la morte mi ha reso orfano di tutti quelli che furono mie guide e mia luce, tra questi grandi servitori: mons. de Segur, i padri Desurmond e Giraud; tra i vescovi: i cardinali Caverot, Mermillord, Pie, mons. Guy; a Roma: Pio IX, Leone XIII e insieme i pontifici i cardinali e i prelati che già hanno ricevuto la loro ricompensa.
I nuovi superiori, che hanno imposto la chiusura immediata delle nostre sante scuole, hanno chiuso anche la casa di Andora. Alla casa, data in affitto ai padri Maristi, è stata risparmiata la profanazione. Autorizzato dal card. Vivès a ritirarmi con un confratello, dom Michel, la cui religiosa assistenza mi è di sostegno nel mio isolamento e nella mia vecchiaia, sto alla ricerca di un riparo per i miei ultimi giorni. Avevo pensato di recarmi a Saint Maurice, ma per essere ospitato presso Champs des Martyrs, sarebbero necessari ampi interventi. Dio vuole che, per essere santificato nel suo amore, prenda parte al mistero di Gesù che lascia Nazareth per l’Egitto senza sapere dove andare e in seguito, all’inizio della sua vita pubblica, lascia Nazareth senza avere dove riposare il capo. In attesa che Dio mi dia la possibilità di trovare il mio definitivo asilo, prego i miei amici di inviare la loro corrispondenza presso mio nipote che provvederà a consegnarmela: Pierre Grèa, Rotalier, par Vincelles, Jura.
Un momento di grande consolazione!
In questo periodo si sta assistendo ad un ampio interesse, suscitato dallo Spirito Santo, per la vita liturgica e per la vita canonicale. Sua Em. Il card. Mercier di Malines mi ha intrattenuto su questi orientamenti in modo sublime. A proposito di questo argomento vi invio un breve trattato. Vi mando anche l’ultima fatica della mia vecchiaia. Accettatela come segno del mio grande affetto. Mi sento anche in profonda unione con i miei figli e confratelli che sono con voi e dei quali mi comunicate le loro diverse destinazioni nel Perù. Benedicendovi con affetto vi prego di chiedere loro che preghino per me.
con la firma: fr. Adrien Gréa, Chan. Reg. S.M.I.
abbè de Saint Antoine
(exilé)

Rotalier (par Vincelles, Jura, Fr.) 10 settembre 1914
Amatissimo figlio e fratello,
la vostra lettera mi ha fatto molto piacere. Il vostro fedele cuore ha fatto visita al mio da tanti anni vostro e che ogni giorno, al momento del divino incontro, si ricorda di voi e presso il santo altare depone il vostro caro nome. Nella ricorrenza della Natività di Nostra Signora e nelle festa di S. Adrien le nostre preghiere e il nostro ringraziamento salgono insieme verso Colui che ci ha scelti, nella sua immensa misericordia, perché fedeli alla nostra santa vocazione prendiamo parte, con tutta la nostra debolezza, al mistero fecondo del suo calice: calicem quem ego bibiturus sum; calicem quidem mecum bibetis. Senza dubbio siete al corrente degli strani avvenimenti che Dio, come avvertimento, manda sulla nostra Europa. In questi stessi giorni di grande tempesta siete venuto a conoscenza anche della chiamata nella beata eternità del santo pontefice Pio X e della elezione del suo successore, un arcobaleno in mezzo all’uragano. Non è mia intenzione raccontarvi tutte le prove, a voi è sufficiente sapere che fanno parte del mistero della croce. Ad Andora i nuovi superiori hanno dato ordine di chiudere la scuola dei nostri giovani, angelici ragazzi e degli studenti. Dom Delaroche ha scritto a mio nipote, legale proprietario, il quale, non volendo più saperne di questa proprietà, lo autorizzava a disporne a suo piacimento; attualmente è stata data in affitto ai Fratelli Maristi per il loro alunnato in Piemonte. Dom Claude vi risiede in qualità di cappellano insieme a dom Raphael, al quale il vescovo di Albenga ha assegnato due parrocchie. Quanto a me, in questo momento non ho una fissa dimora; con il permesso di ritirarmi con un confratello, il fedele e veramente filiale dom Michel, mi è dolce prendere parte al mistero di Gesù il quale negli anni che precedevano e preparavano la sua offerta non disponeva di fissa dimora e non aveva dove poter posare il capo. Ho fatto visita, nella Francia del Nord e in Belgio, a santi amici, ad amici sacerdoti e ad un santo cardinale. Qualche giorno prima dello scoppio della guerra in Europa ho avuto modo di rendermi conto di formidabili segni di speranza. Continuate, caro figlio ed amico, a pregare per la rinascita delle sante e vetuste tradizioni dell’abnegazione apostolica nel clero per la santificazione del popolo.
Non ricordo, caro e sincero amico, se vi ho inviato l’ultimo lavoro della mia vecchiaia, una ricerca storica sui beni ecclesiastici, che è stata pubblicata sulla Revue Apologetique. Nel caso che non l’abbiate ricevuto, potrò mandarvi uno degli ultimi esemplari.
Per saperne di più sul mio conto non mi resta che invitarvi a rileggere la lettera di mons. Sevin, oggi cardinale, della quale vi ho fornito una copia.
Vi invio un breve scritto sull’istituto canonicale, dove ne espongo brevemente, ma esaustivamente la natura. Istituto del tutto diverso dagli ordini religiosi, meglio e forse i soli conosciuti, che sono al servizio della chiesa universale senza necessariamente ed essenzialmente appartenere per titolo a chiese particolari e quindi de-gerarchizzati.
Le voci più autorevoli, parlando di questa rinascita, la considerano come rispondente ai bisogni del nostro tempo. I grandi servitori di Dio, i vescovi sono stati concordi nell’indicarmi la direzione verso cui andare, quella secondo Dio, come mi era stato detto a Roma anche all’inizio del mio cammino.
Dubitandone cadrei nell’infedeltà, e quindi verso questo divino volere devo fiducia incrollabile, ferma fedeltà, e una speranza paziente e costante riguardo ai disegni di Dio su questo mondo profondamente tormentato e dove si stanno sviluppando per la chiesa nuovi trionfi e nuovi frutti di santità.
Caro figli, addio e sinceri saluti e benedizioni.

Questo il mio indirizzo presso mio nipote: rev. Gréa, Rotalier, par Vincelles, Jura). Lo considero, se così mi è dato di esprimermi, insieme all’arcivescovato di Lyon, il mio porto di attracco.

N.D. de Sept-Fons (par Dompierre-S-Besbre – Allier) 17 settembre1915
Carissimo padre e fratello,
la vostra lettera del mese di luglio mi raggiunge, con il vostro filiale e sincero saluto, in questo sacro asilo della Trappa dove mi sono rifugiato nell’attesa dello scoccare dell’ora di un sereno Nunc dimittis, e qui trascorrere le ultime ore di riposo della mia lunga carriera, che Dio, nella sua bontà, vorrà concedermi.
Infatti mi sento, in questo momento della mia vita, senza fissa dimora, al servizio della mia vocazione cioè dell’istituto antico ed apostolico della vita canonicale regolare. Il nuovo istituto con le sue nuove autorità che hanno preso il posto della mia povera persona e la direzione della grande opera che mi era stata affidata, ha soppresso, con la chiusura del nostro alunnato di Andora, questa casa ormai privata di scopo e di personale, del noviziato e di qualunque utilità, casa che, dopo essere stata la sede della mia abbazia in esilio, attualmente è stata data in affitto ai Fratelli Maristi.
Scrive Bossuet: “losque Dieu veut qu’une oeuvre soit toute de sa main, Il réduit tout à l’impuissance et au neant, puis Il agit”. [quando Dio vuole che un’opera venga considerata esclusivamente sua, riduce tutto all’impotenza e al nulla, e poi agisce].
Questo dovrà accadere anche per la rinascita dell’istituto canonicale. Sono talmente all’oscuro di quanto avviene nella congregazione, il cui centro è sul Ganicolo a Roma, che non conosco né il nuovo personale né il suo scopo (a Dio non piace che mi lamenti degli avvenimenti da Lui permessi, come anche delle persone e delle loro qualità) salvo quanto in modo limitato e inaffidabile mi viene riferito dall’esterno. Non mi stanco mai di amare e pregare per quelli che sempre chiamerò miei figli; né mi stanco di chiedere l’aiuto di quelli che desiderano pregare per me.
Sono pienamente convinto, stando ai segni che Dio mi ha inviati nella mia vocazione per mezzo delle più alte autorità e i suoi più santi servitori, che l’istituto canonicale regolare cioè la vita liturgica e la penitenza secondo la tradizione, come viene vissuta nella sua integralità locale presso le abbazie, le collegiate o case minori e maggiori all’interno delle diocesi, rinascerà quale i santi padri, i pontefici e i concili l’hanno formulata, appoggiata e raccomandata. Ne sono sicuro e per questo potrò elevare un grande: nuc dimittis.
Amatissimo fratello e fedele figlio, non vi stancate di rimanermi fedele e di sostenermi con il vostro aiuto, in questo momento della mia vecchiaia e dell’avvicinarsi dell’eternità, con le vostre ferventi preghiere.
Ben sapete quanto vi voglio bene in Gesù e Maria Immacolata.

Confido nella vostra discrezione. Questa lettera rimanga solo per voi. Questo perché non voglio che venga interpretata come una lamentela da parte mia.  

Rotalier par Vincelles, Jura 15 settembre 1916 (o 16 sett.?)
Carissimo padre e sincero figlio,
grazie infinite per le affettuose parole che mi rivolgete. Con insistenza in questi ultimi giorni della mia lunga carriera chiedo ai miei fedeli figli di pregare per me. Giovedì prossimo 21 settembre festeggerò il 60° anniversario della mia ordinazione sacerdotale. Questa festa della mia vecchiaia la celebrerò a Saint Antoine, presso il grande patriarca di cui il mio titolo abbaziale mi ha costituito suo umile seguace. Questo giubileo deve essere per me di preparazione alla morte. Pregate perché abbia ad ottenere la grazia di una santa morte. In cielo, la cara schiera dei miei figli, che mi hanno preceduto, con alla testa il grande servitore dom Paul Benoît, grande conoscitore dell’istituto canonicale e santificato dalla prova della croce, mirabilmente accolta, mi attende e mi chiama.
La terribile crisi che attraversa l’Europa tiene in scacco molte opere di Dio. L’istituto dei Canonici Regolari, nella forma in cui mi venne fatto conoscere con la mia vocazione secondo le più venerabili tradizioni dei nostri padri, nella forma in cui le più alte cariche dell’episcopato e dei servitori di Dio l’hanno approvato e dichiarato conforme ai disegni di Dio per la santificazione del clero e del popolo cristiano, rivivrà nella sua integralità; ho consacrato al Cuore di Gesù questa rinascita la cui aurora significherà per me il momento del mio nunc dimittis.
Il chicco di frumento caduto in terra, durante l’inverno porta a maturazione con questa sepoltura il raccolto che apparirà a primavera. Questa è la caratteristica di ogni opera divina. Così dovrà accadere anche per l’istituto canonicale. Tutto va compiendosi, e la morte del grande cardinale di Lyon, che tanto amava questo istituto, gli ha fornito un altro protettore in cielo, dopo che l’aveva santamente e fortemente difeso presso la Santa Sede.
Dio non vuole che mi lamenti degli uomini e degli avvenimenti! Dio mi conceda la grazia di accettare il grande dono della croce e della prova! Ormai così vicino all’eternità devo offrire il mio umile sacrificio in unione a quello delle sante anime, che mi ha fatto conoscere.
Devo essere, come mi scriveva un santo vescovo, la vittima per il mio ordine, di questo ordine oggi così misconosciuto, il quale con le sue sante norme, i suoi digiuni secondo la tradizione, le sante veglie e l’incessante preghiera liturgica, distribuita lungo le ore del giorno e della notte, offre a Dio il perenne omaggio della chiesa militante e l’associa per mezzo di questo ministero augusto e necessario, alla chiesa trionfante e ottiene, nello stesso tempo, grazie e salvezza per gli uomini.
Come per mezzo di questo istituto e questa santa disciplina il mondo antico è stato trasformato in mondo cristiano, così per mezzo di questo santo modo di vita offerto e abbracciato dal clero, o almeno da una élite, il paganesimo moderno, di cui soffre la società, sarà vinto e questa potrà di nuovo far ritorno al Cuore di Gesù, alla fede, alla croce, al suo amore e insieme a Lui riprendere a vivere la vita cristiana.
Ho consacrato al Sacro Cuore la rinascita e la resurrezione dell’istituto nella sua essenzialità.
Addio, carissimo padre, fratello e figlio, che con affetto benedico.

Il santo ed apostolico vescovo di Valence ha accolto il nostro caro dom François Carre come una pietra d’angolo dell’istituto canonicale nelle sue chiese.

Al termine della festa per il mio giubileo, di nuovo, non appena possibile, vi scriverò.

(Un biglietto senza data)
Carissimo figlio,
mentre mi accingevo a spedire queste lettere, ho ricevuto la vostra; grazie per le vostre affettuose parole. Sostenetemi con le vostre preghiere in questa ultima tappa della mia vita su questa terra. Oh! Come sarà bello trovarsi in cielo in virtù dell’amore misericordioso di Colei che invochiamo: advocata nostra.




 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu